Quando abbiamo deciso di sposarci in Val di Funes, ai piedi delle Dolomiti, ancora non sapevamo nulla delle emozioni che avremmo provato. L’emozione dell’attesa verso questo passo così importante, l’emozione di creare ad hoc la nostra giornata.

Sposarci in montagna: una scelta fortemente voluta col cuore e, ancora prima, un sogno che consideravamo irrealizzabile. Un’idea e una proposta nate per caso, mentre sfogliavamo le fotografie della nostra vacanza, fatta solo un mese prima a Eores. Ci saremmo sposati ai piedi delle maestose cime Odle, con un matrimonio semplice. Avevamo tante cose da organizzare a distanza, tre ore di macchina ci separavano dalla nostra amata Val di Funes, tutto poteva complicarsi per il meteo. Il tempo correva, avevamo solo 10 mesi davanti a noi.

Sposarci in Val di Funes Chiesetta di San Giovanni in Ranui

Sposarci in Val di Funes vista valle

Sposarci in Val di Funes alla Chiesetta di San Giovanni a Ranui

Se siamo qui oggi a raccontarvi non è per vantarci. Volevamo celebrare il nostro Amore in un posto a noi caro, quello che si dice essere un luogo del cuore. Una piccola chiesetta, in mezzo al verde, ai piedi delle montagne. Niente di più puro e semplice. La chiesa di San Giovanni in Ranui a Santa Maddalena in Val di Funes è un piccolo gioiellino che non conoscevamo. Eppure è la più fotografata di tutto il Trentino Alto Adige! Dalla prima volta che l’abbiamo vista era già il nostro luogo perfetto, senza nemmeno saperlo. Ed è per questo che ne siamo un po’ gelosi. All’interno la Chiesa è minuscola e raccolta: solo venti persone possono prendervi posto. Chi non poteva entrare, poteva sempre ascoltare da fuori, ammirando la splendida vista sulla valle.

Val di Funes valle bellissima e verde

Chiesetta San Giovanni in Ranui famosa

Il maso Ranuihof e l’organizzazione del nostro matrimonio

Un posticino da favola, per realizzare il nostro grande sogno di sposarci in Val di Funes. La Chiesa è in gestione al maso Ranuihof, distante nemmeno 100 metri e che ancora oggi fornisce la grossa chiave per aprire la sua porticina. Il maso è uno storico casale del 12° secolo, a quel tempo una residenza di caccia. All’interno magnifici affreschi e decorazioni tirolesi, nonché cinque graziose camere una diversa dall’altra. Fuori una stalla con tantissime mucche e un bellissimo giardino. La famiglia Runggatscher che gestisce il maso ci avrebbe seguito nell’organizzazione del nostro Matrimonio e ancora oggi li ringraziamo per i consigli e l’infinita disponibilità.

Dalla scelta del menù, alla sistemazione di amici e parenti presso altre strutture di Santa Maddalena: sposarci in montagna è stato possibile grazie a loro, ai lunghi scambi di email e ai nostri weekend (in totale sei!) trascorsi proprio in valle. Abbiamo percorso la valle in lungo e in largo, con diverse tappe anche a Bressanone, per conoscere il frate cappuccino che ci avrebbe sposato e per scegliere i fiori presso la Floricoltura Rizzi (a proposito, un caro saluto a Veronika!). La ricerca della parrucchiera e della truccatrice per me Silvia ha richiesto più tempo, ma alla fine sono stata assolutamente accontentata con due bravissime professioniste.

Sposarci in Val di Funes… festeggiando al Rifugio delle Odle – Geisleralm

Non solo il maso Ranui. La famiglia e, in particolare il mitico cuoco Gerhard, chef del Rifugio delle Odle – Geisleralm, gestisce questo bellissimo rifugio ai piedi delle Odle, a quota 1.996 metri. Avremmo fatto una festa in paradiso, dove le punte delle montagne dolomitiche sono così vicine che sembra quasi di toccarle. Il rifugio, chiamato proprio Alm in tedesco (malga) è semplicemente stupendo. Grande e accogliente, ogni minimo dettaglio è curato e tutto è fatto di legno. Tanti posti a sedere fuori, molto più raccolto e intimo dentro. Sembra proprio la casa degli gnomi! Per non parlare della qualità del ristorante: piatti succulenti, della tradizione, sapientemente impiattati e proposti in modo sempre creativo.

Per arrivare al Rifugio delle Odle abbiamo cronometrato più volte il tempo necessario e oggi possiamo confermarvi che ci vuole solo poco più di un’ora a piedi. Si parte dal grande parcheggio Zannes – Zanser Alm, a soli 10 minuti di auto da Santa Maddalena. Oppure direttamente a piedi dalla chiesetta, sulla strada Forestale, ma in questo caso ci vogliono due orette.

Mai e poi mai avremmo costretto i nostri invitati a faticare tanto, ci serviva una soluzione… questa era un punto cruciale! La comodità nel raggiungere i luoghi e gli spostamenti era fondamentale per la gestione degli ospiti, e allora il servizio shuttle della Val di Funes ci avrebbe aiutato proprio con il trasferimento dalla chiesa al rifugio. Niente faticaccia quindi, ma soli dieci, turbolenti minuti a bordo della navetta!

Rifugio delle Odle Geisleralm

Sposarci in Val di Funes parco giochi Geisleralm

Il Cinema delle Odle: uno spettacolo a cielo aperto!

Alle spalle del Rifugio Geisler si trovano delle comode poltroncine di legno, dalle forme e dimensioni più diverse e c’è pure la versione matrimoniale! Essendo posizionate così in alto, sono perfette per godersi tutto lo spettacolo delle cime Odle, in un piccolo salotto immerso nella natura. Ogni giorno, ad ogni nuovo raggio di sole o nuvola in agguato, ecco uno scenario diverso: le cime cambiano colore e si creano giochi di luci ed ombre. La prima volta che ci siamo accomodati quassù, ancora non sapevamo che lo avremmo rifatto altre volte e persino da marito e moglie, con i nostri abiti da sposi. Ancora non sapevamo… eppure una sensazione meravigliosa di benessere e positività era già dentro di noi.

A proposito di tempo: durante la nostra attesa del grande giorno abbiamo sperato di sposarci in Val di Funes in una calda giornata di sole a fine settembre. Sarà stato così? In cuor nostro sapevamo che sarebbe stato tutto meraviglioso, a partire proprio dalle nostre EMOZIONI.

Cinema delle Odle

Omini Odle Val di Funes

Se anche voi state pensando di sposarvi in montagna, in Alto Adige, oppure proprio qui in Val di Funes, scriveteci e saremo contentissimi di raccontarvi la nostra esperienza!

Con tanta emozione,

Silvia e Andrea

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento