Eccoci nel nostro luogo del cuore. Eccoci immersi da tanta neve fresca, bianca, così candida. La neve a Santa Maddalena rende tutto più incantevole e noi siamo tornati qui per iniziare l’organizzazione del nostro matrimonio. Dopo essere stati in Val di Funes in estate e in autunno, era il momento di vedere i luoghi di questa valle in inverno. Giusto un weekend, sabato e domenica, con il pretesto dei preparativi ma anche e soprattutto con la voglia di calpestare tanta neve!

Santa Maddalena con tanta neve

Raggiungere il paesino di Santa Maddalena è facile, si trova proprio in cima alla valle ed è l’ultimo centro abitato. Poche case, tanti appartamenti vacanza e alcuni hotel. Mucche, pecore e nient’altro, se non le due splendide chiese: la Chiesa di Santa Maddalena, situata nella parte alta della paese, proprio dove a inizio ottobre si svolge la famosissima Festa dello Speck, e l’altra… la Chiesetta di San Giovanni in Ranui, dove ci saremmo sposati.

Appena arrivati ne approfittiamo per un giretto in paese e immortaliamo subito proprio le due chiese. Nella loro semplicità, sono i soggetti perfetti per le foto di Andrea. In entrambi i casi, lo sfondo alle loro spalle è mozzafiato. Come ci siamo arrivati? Con l’auto, qui le strade sono sempre belle pulite. E poi a piedi, con un bel paio di scarponcini. Venite verso il tramonto in una giornata di sole: il bianco della neve cede il posto al rosa del tramonto più fiabesco.

Odle innevate

Il nostro hotel in Val di Funes

Per questo fine settimana abbiamo scelto di dormire all’Hotel Proihof, un carinissimo albergo ristrutturato e ampliato da poco. Andreas vi accoglierà con il suo sorriso e la sua disponibilità. La struttura offre sia camere con vista sul Gruppo delle Odle, ma anche moderni appartamenti dotati di ogni confort. Un applauso va alla super colazione offerta nella Stube decorata molto elegantemente con un tocco di modernità. Ottimo rapporto qualità/prezzo, noi ci ritorneremo in occasione proprio dell Festa dello Speck 2019!

Hotel Proihof a Santa Maddalena con la neve

Le stelle di Santa Maddalena

Cosa fare di sera? Sfidare il freddo e andare a vedere le stelle! Dopo una squisita cenetta al ristorante Pitzock di San Pietro, non siamo ancora così stanchi da andare a letto. Andrea vuole fotografare le stelle alla Chiesetta, fa niente se siamo a meno sei gradi… io resto in auto e lui, armato di cavalletto, guanti e, naturalmente, macchina fotografica, si dirige verso la chiesetta dal parcheggio del maso Ranuihof per poi tornare dopo qualche minuto, felice come un bambino per la foto appena scattata. Stelle grosse come pietre preziose luccicano sopra di noi in questa notte gelida.

Chiesetta di San Giovanni Ranui con la neve

Val di Funes a piedi e con gli slittini

È un’esperienza da vivere, soprattutto per chi ama passeggiare nei boschi innevati e percorrere così i sentieri solitamente battuti d’estate. Sono i sentieri che raggiungono le numerose malghe sparse ai piedi del Gruppo delle Odle. Ma non solo camminate, qui si trovano alcune piste da sci. Ma il vero divertimento qui è scivolare sulla neve con un velocissimo slittino! Dal rifugio delle Odle, fin giù al paese, passando sempre per la ‘nostra’ Chiesetta. Divertimento puro! Ecco tutte le informazioni su dove trovare gli slittini e sui percorsi disponibili.

Una bella passeggiata sulla neve a Santa Maddalena

Decidiamo di tentare la camminata il giorno seguente, partendo come sempre dal grande parcheggio Zannes, alle nove e mezza di mattina. Non siamo gli unici nel parcheggio, ma quando poi iniziamo a camminare, ci ritroviamo bene presto soli, noi e il rumore dei bastoncini e dei nostri piedi che scricchiolano sulla neve. Fa freddo, ma avete presente quel freddo pungente, ma secco? Ecco, proprio quello… Quello che colora le guance di rosso e nemmeno ce ne si accorge.

Siamo a meno dieci gradi, ma camminare su questo sentiero è piacere puro: si tratta della strada forestale, un sentiero comodo e largo dove la neve viene appiattita ogni giorno proprio per facilitare il percorso. Ma anche e soprattutto per gli slittini che tra poco inizieranno a sfrecciare proprio da qui!

Da Santa Maddalena al Rifugio delle Odle con la neve

Il nostro arrivo al Rifugio delle Odle – Geisleralm

La strada sale dolcemente, ci vuole solo un pizzico di volontà e desiderio di arrivare ad uno dei più bei rifugi che si trovano da queste parti. Parliamo naturalmente del Rifugio delle Odle – Geisleralm, la fantastica location che abbiamo scelto per i nostri festeggiamenti. E dove la cucina è superba! Ci lecchiamo già i baffi al pensiero di ciò che gusteremo.

Finalmente ci siamo, dopotutto non siamo così stanchi e camminando sulla neve, dopo circa un paio di ore dal parcheggio, siamo arrivati proprio sotto le Cime delle Odle: Sass Rigais, Furchetta le due cime più alte, ma anche tutte le altre hanno un nome diverso.

Santa Maddalena inverno salita Geisleralm Odle

Manca ancora un po’ all’ora di pranzo, e prima di sederci a pranzare all’aperto, a duemila metri con il sole che ci scalda il cuore e le ossa, andiamo a gironzolare lì attorno. Qui la neve è davvero tanta, farinosa, fresca fresca. Avanziamo verso la malga Casnago – Gschnagenhardt Alm, sprofondando quasi alle ginocchia e non siamo più soli.

Ormai un sacco di famiglie hanno raggiunto anche loro queste due malghe e scenderanno più tardi a bordo degli slittini. E proprio gli slittini possono essere comodamente noleggiati per pochi euro, sia in paese che qui al Rifugio.

la neve al Rifugio delle Odle Geisleralm

La discesa tra i pini innevati

Dopo un ricco tagliere altoatesino (si tratta della tipica Merenda dell’Alpino! Trovate una nostra foto qui), un po’ di sole sulle guance (gli occhiali da sole sono un must, non dimenticateli mai) siamo pronti a scendere. Una camminata al contrario, ancora più facile e veloce. Ci ritroviamo tra i pini carichi di neve, così alti e maestosi, sembrano guardarci e ci accompagnano per tutta la nostra discesa.

neve e slittini discesa Geisleralm

Santa Maddalena con tanta neve

Neve a Santa Maddalena Val di Funes slittini

Un’emozione tutta da vivere, che consigliamo a tutti. Ne rimarrete “stregati”, tanto quanto noi.

Continuate a seguirci per le nostre nuove emozioni in Südtirol!

Andrea e Silvia

Questo articolo ha un commento

  1. Spettacolo. Ci voglio salire in fatbike…

Lascia un commento