Ci sono tradizioni che non smettono di vivere, anno dopo anno, nel cuore delle persone. Come la transumanza del bestiame, che in Alto Adige rivive nelle piazze dei centri storici, con una grande festa. Vogliamo prendere parte anche noi ad un evento così importante e per farlo andiamo a Laion, un piccolo paese all’inizio della Val Gardena. Meta della nostra primissima vacanza in Alto Adige insieme e delle nostre recenti vacanze, Laion ci ha portato a scoprire il Seceda, ma anche il Passo Sella. Tornare a Laion per noi significa già fare festa, essere alla Festa della transumanza a Laion è una gioia ancora più grande.

Festa Transumanza a Laion mucca

Almabtrieb: la transumanza in Alto Adige

Tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno si rinnova un’antica tradizione, con una festa che in Alto Adige celebra la vita contadina di montagna. Quella fatta ancora di duro lavoro e tanti sacrifici. È un momento per ringraziare gli animali e il susseguirsi infinito delle stagioni. Dopo un’intera estate trascorsa all’aria aperta, infatti, le greggi di mucche, capre e pecore intraprendono la strada verso casa. I loro pastori guidano fedelmente gli animali dalle malghe estive fino a valle, ed è qui che inizia la festa.

Festa della Transumanza a Laion: pastore grembiule blu

La transumanza – conosciuta con il termine tedesco Almabrieb – è tradizione, folclore, convivialità, musica e tanto divertimento. La festa della transumanza però è soprattutto un lungo corteo in arrivo dai monti, dove a sfilare sono le regine delle montagne: le mucche. Sono loro ad aprire la sfilata, agghindate come delle vere signore. I pastori sono ben riconoscibili per via del loro grembiule blu e tutto il paese è in festa: giovani, bambini e persone anziane, turisti e curiosi, come noi. La transumanza diventa un momento da vivere tutti insieme.

Festa della Transumanza a Laion inizio corteo

Il paese di Laion – Lajen, in Val Gardena

A 1.100 metri d’altezza, Laion è un piccolo paese a cui siamo ormai affezionati. Un paese caratteristico, dove ancora oggi si nota la sua anima medievale, a partire dallo stile della sua piazza. Laion è un piccolo paese dedito all’agricoltura e comprende anche frazioni più basse e più alte, tant’è che da vari punti di Laion è possibile ammirare un bel panorama sulla Val Isarco e raggiungere la vicina Val Gardena in pochissimi minuti. Tutto questo rende Laion un luogo tranquillo e ideale per riposarsi. Laion per noi è un luogo dove abbiamo trascorso vacanze felici.

Scorcio di Laion Lajen Alto Adige

Ma non vi illudete, la tranquilla cittadina di Laion è costantemente in fermento. La sua piazza è spesso un teatro a cielo aperto per varie manifestazioni e concerti musicali, grazie anche alla conformazione della piazza stessa. La Festa della Transumanza a Laion è uno degli appuntamenti irrinunciabili per molte persone ed è bello vedere l’organizzazione che si nasconde dietro un piccolo centro abitato.

Noi abbiamo sempre un motivo nuovo per ritornare a Laion. La prossima volta vogliamo andare sulle tracce del poeta del Medioevo Walther von der Vogelweide. Sì, quello rappresentato in piazza a Bolzano con un’imponente statua! C’è un sentiero circolare da intraprendere per scoprire i luoghi frequentati dal famoso menestrello. E c’è chi sostiene che sia nato proprio a Laion.

Bandiera Südtirol a Laion

Il consiglio in più: cenare al Zur Krone di Laion

Un tuffo nel passato e nei sapori più autentici del presente, nella bella piazza medievale di Laion. È l’albergo, ristorante e pizzeria Zur Krone. Cenare nella sua tipica Stube tirolese è un’esperienza che non vi deluderà. Noi siamo stati accolti con un sorriso e fatti sedere proprio davanti alla stufa protagonista della stanza. La cucina è abbondante e sostanziosa e riserva sempre piatti fuori menù, da leccarsi i baffi.

Zur Krone – Laion

Festa della Transumanza: una grande festa a Laion

Il clima allegro che respiriamo appena arrivati a Laion ci fa subito sentire parte del paese. C’è molta attesa per il grande corteo degli animali, che nel pomeriggio passerà proprio dal centro. È ora di pranzo quando arriviamo a Laion e la piazza brulica di gente. Tanti sono i tavoli allestiti proprio in mezzo al paese e c’è posto per tutti. Tanti sono i volontari che sfrecciano tra le persone portando vassoi ricolmi e tanta birra.

Cosa mangiamo nell’attesa? Un bel pollo arrosto con patatine fritte, ma anche un Tirtlan e un Krapfen pieno zeppo di marmellata d’albicocche. Ancora qualche istante e poi molti dei tavoli saranno tolti per lasciar spazio al corteo e… ai carri della sfilata! È una grande attesa condivisa.

Festa della Transumanza in centro a Laion

Il programma della festa della transumanza a Laion

È la prima domenica di ottobre, la domenica del Rosario e la Festa della Transumanza si tiene sempre in questa giornata a Laion. Ma dove sono stati tutte l’estate gli animali e i loro pastori? Sui pascoli che circondano la malga Brogles, una malga molto bella e che ci aveva colpito. Le mucche e le pecore tornano a casa anche dal vicino Resciesa e dall’Alpe di Siusi. Non sembra, ma si tratta di parecchi chilometri.

Il corteo ha luogo al pomeriggio alle ore 15 e, nel mentre, la nostra attesa è allietata dai balli goliardici degli Schuhplattler e poi ancora dagli schiocchi di frusta dei Goaslschnöller. Sembra già di essere tornati indietro nel tempo, perché in fondo basta poco per divertirsi. La musica incalzante è offerta dal gruppo “Southbrass”, composto da soli ragazzi giovanissimi. I bambini ballano ed è ormai tutto pronto.

banda musicale a Laion

Arrivano le mucche! Il lungo corteo a Laion

Il gruppo musicale ha appena finito di suonare, la prima mucca avanza un po’ impacciata, si sente osservata da tutti. Non è sola, subito dietro di lei eccone altre. Sono tutte decorate con un bellissimo copricapo, fatto da rametti, fiori e nastri colorati. Dopo tanto frastuono, ora siamo tutti in silenzio ad ammirarle. Le mucche sono guidate dai loro pastori, che per l’occasione si sono messi anch’essi in ghingheri indossando i Lederhosen, i tipici pantaloni di cuoio, ma anche il grembiule, il gilet ed il cappello. Con un pizzico di pazienza e tanta fermezza, spronano le mucche ad andare avanti. Ormai sono giunte a casa.

È impossibile scegliere la mucca più bella, ai nostri occhi sono tutte così docili. Ci spiegano che le decorazioni che portano vogliono rappresentare una croce. Quella a cui ci si rivolge quando si è grati. L’estate è andata bene, non ci sono stati incidenti e si spera che l’anno seguente sia altrettanto positivo.

copricapo mucca Laion

sfilata festa della transumanza a Laion

 carri festosi accompagnano la transumanza a Laion

Capre, pecore e piccole gabbiette con all’interno dei coniglietti, portati in sfilata dai bambini. Ora è il turno dei carri contadini e dei mestieri tipici, come quello dei battitori di cereali. Sfilano anche molti contadini, sui loro cavalli o tenendo per mano i loro nipotini. I ragazzi sui carri offrono a tutti dei pezzetti di pane di segale e di Speck appena tagliato. Altri ancora offrono mazzetti verdi composti da rami, bacche e fiori di montagna. Io sono bassa, ma incredibilmente un piccolo mazzetto atterra proprio tra le mie mani.

Andrea immortala i visi sorridenti degli abitanti di Laion, mentre i ragazzi scherzano tra loro e ci salutano. Questa sì che è una festa! Mi ricorda un po’ un Carnevale, quelli che non si vedono più tanto tempo dalle nostre parti.

carro Schuhplattler di Laion

ragazzi di Laion

E dopo aver fatto festa, non ci resta che prepararci lentamente al silenzio dell’inverno. E per l’anno prossimo, mettetevi in agenda almeno un evento di transumanza in Alto Adige, renderà felici anche voi.

Silvia e Andrea

Lascia un commento