Con lo slittino dalla malga Gampen in Val di Funes

Ritornare a valle dopo una lunga camminata, senza fare più fatica. Sfrecciare a tutta velocità, all’interno di panorama fatto di montagne innevate, boschi addormentati e il silenzio della natura. Finalmente stiamo per vivere anche noi un’esperienza entusiasmante.

Stiamo per scendere con lo slittino dalla malga Gampen, fino al parcheggio di Zannes. Slitteremo nel meraviglioso Parco naturale Puez-Odle (Dolomiti UNESCO) e abbiamo già l’adrenalina in circolo!

Con lo slittino dalla malga Gampen

Slittare in Val di Funes

Non potevamo che scegliere la Val di Funes per la nostra prima slittata ufficiale. Dovete sapere che in questa valle ci sono lunghe piste da slittino, adatte anche a chi non ha mai provato il brivido di scendere a valle a tutta velocità.

È sempre una bella idea andare per malghe in inverno, lontano dalle piste da sci più affollate. E dopo aver girovagato per questa valle con le ciaspole, abbiamo tutta l’intenzione di prenderci una giornata di puro divertimento. Ci basta noleggiare uno slittino.

Raggiungiamo il parcheggio di Zannes in un sabato mattina nuvoloso. Durante la stagione invernale solo la malga Gampen e il Rifugio delle Odle sono aperti e per raggiungerli è possibile seguire i sentieri classici nel bosco, oppure le strade forestali, ora battute dai gatti delle nevi.

Segnavia parcheggio Zannes

Il sentiero invernale verso la malga Gampen

Partiamo a camminare con tutta tranquillità, nonostante il cielo grigiastro, ci viene subito caldo! Tolgo la giacca e la nascondo nel mio zaino. Effettivamente non fa freddo, eravamo anche convinti di trovare più neve. Ci incamminiamo subito verso il sentiero invernale, anch’esso battuto dal gatto delle nevi.

In un’ora e mezza questo comodo sentiero ci porterà alla malga Gampen, decidiamo di affrontarlo con calma. Siamo in un bosco profumato di legno e di neve e non siamo soli. Altre persone stanno raggiungendo la malga, molte di loro sono già munite di slittino.

Noi abbiamo prenotato il nostro direttamente alla malga Gampen, chiamando il giorno prima. Il noleggio è possibile anche direttamente alla malga Zannes, proprio dove abbiamo parcheggiato.

Sentiero invernale verso malga Gampen

Le Odle e un pranzo caldo in malga

Usciamo dal bosco e affrontiamo alcuni tratti più in salita. Eccole le Odle! Dominano la scena sulla nostra destra, così ben schierate sull’attenti, con la neve sono ancora più belle. Mi sento a casa e sorrido all’idea di scendere da quassù sfrecciando con uno slittino. Ma sarò capace di guidarlo? Uno spiraglio di sole nel cielo è di buon auspicio.

Se guardiamo in alto intravediamo il Rifugio Genova, siamo quindi arrivati alla malga. Un sacco di gente è arrivata prima di noi e un profumo di legna e di cibo buono ci accoglie all’interno. Troviamo posto in una saletta sotto la classica Stube, ci sediamo e aspettiamo il nostro pranzo.

Non ricordo l’ultima volta che l’ho mangiata, ma oggi è la giornata giusta per provarla. Oggi mi concedo una buonissima Wiener Schnitzel. Confesso che il menù della malga è davvero ricco e non è stato facile scegliere. Finito il piatto, non riesco a lasciare spazio per un Buchtel con salsa di vaniglia. Sarà per la prossima volta.

Malga Gampen in inverno

Wiener Schnitzel alla malga Gampen

Sito ufficiale della malga Gampen

Giù con lo slittino dalla malga Gampen

Dopo aver scambiato qualche chiacchiera con i signori seduti al nostro stesso tavolo, è ora per noi di cimentarsi con lo slittino. Ritiriamo il nostro, il costo del noleggio è di soli 7 Euro. Lo riconsegneremo poi al parcheggio di Zannes. Mi viene assegnato uno slittino di colore blu, sopra c’è scritto Rudi, mi sta già simpatico! Il divertimento può iniziare.

Con lo slittino dalla malga Gampen

Halt! Prima di partire qualcuno mi può spiegare come si frena? E come si fa curvare? Guardo i ragazzini che partono a tutta velocità e mi domando come facciano a guidare i loro slittini. Chiedo qualche consiglio al ragazzo della malga Gampen, mi regala giusto due indicazioni e mi raccomanda di andare piano. Ma sarà davvero possibile andare piano?

Anche Andrea è perplesso, forse è più terrorizzato di me ma non lo confessa. Prende posto sul suo slittino e prepara la macchina fotografica. Ne vedremo delle belle!

Pronti, partenza… slittare sulla neve

Bando agli indugi, sconfiggiamo questa paura una volta per tutte. Ripartiamo dalla malga direttamente con lo slittino e, dopo una prima discesa un po’ ripida che affronto con piedi frenanti e i denti stretti, imbocchiamo la pista vera e propria per gli slittini. Non è altro che la strada forestale, è bella larga e non sembra poi così difficile.

Slittare sulla neve in Val di Funes

Giusto il tempo di partire e… sto già ridendo come una matta. Andrea mi ha superato e mi aspetta ad una curva, vuole proprio vedere come l’affronterò. Prendo velocità, non voglio più frenare. Inizio a capire che se sposto bene il peso riesco a “manovrare” meglio il mio slittino. In qualche modo curvo, ma nel mentre mi ritrovo la faccia piena di neve. Bene, ma non benissimo!

La cosa divertente dell’andare fuori pista è che la neve alta frena la corsa senza farmi cadere dallo slittino. Ora sono più tranquilla, so che non potrò farmi male. Mi rendo però conto che una maschera da sci e un caschetto sono fondamentali come protezioni. La prossima volta non potranno mancare. Mi fermo un secondo con i piedi ben impiantati per terra. Spunta il sole da dietro le Odle. Giusto un minuto di contemplazione e poi, via, si riparte!

Odle innevate

Con lo slittino dalla malga Gampen

La discesa a Zannes con lo slittino dalla malga Gampen dura decisamente troppo poco. La velocità che si raggiunge è piuttosto elevata, ma diventa presto un gioco da ragazzi. Inoltre nulla vieta di risalire a piedi i tratti più belli, per poi ridiscendere con più sicurezza. Noi non vediamo l’ora di riprovarci! Molte valli dell’Alto Adige offrono piste lunghissime e di diverse difficoltà. Provare per credere.

Slittare in Val di Funes – tutte le informazioni

Buone slittate a tutti!

Silvia & Andrea

Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *