Vacanze in agriturismo in Alto Adige: la nostra esperienza

Che belle le fattorie che continuano a vivere, quelle che resistono ai cambiamenti, al ciclo delle stagioni, con una rinnovata passione per il lavoro della terra. Con i loro prati e i loro boschi, con i campi pieni di fiori e gli alberi da frutto, con le finestre colorate e gli animali che scorrazzano felici sull’aia. E le mucche nella stalla, pronte a uscire per brucare l’erba fresca. In una fattoria c’è sempre un buon profumo caldo inconfondibile. È quello del fieno e del sole che scalda il suolo, per me è il profumo dell’estate. E quando un’azienda agricola apre le proprie porte al turismo, nasce ogni volta un’esperienza di vacanza “attiva” e rilassante al tempo stesso. È così che le vacanze in agriturismo in Alto Adige sono fatte: di natura, tranquillità e genuinità. Di quei ritmi lenti, di sveglie presto la mattina e di cose buone da gustare.

Vacanze in agriturismo in Alto Adige Gschloierhof

Il piacere di vedere da vicino il lavoro contadino, quello di una volta. Accarezzare le mucche, forse come abbiamo avuto la fortuna di fare solo da bambini. Assaggiare il loro latte e gustare un ovetto sodo a colazione. Tradizioni e ritmi che ricordano il lavoro dei nostri nonni, e per chi ha la fortuna di sentirli ancora raccontare, di come si andava nei campi a lavorare e come si andava a letto stanchi la sera.

Vogliamo raccontarvi delle nostre vacanze in agriturismo in Alto Adige e farvi venire voglia di prenotare, anche solo per un breve weekend, in una delle tante strutture presenti in ogni valle. Abbiamo voglia di sporcarci le mani, di respirare i profumi “naturali” della stalla e lasciarci ingolosire da piatti succulenti. Vediamo un po’ se una vacanza in agriturismo fa al caso vostro.

canederli agriturismi masi Alto Adige

Perché trascorrere le vacanze in un agriturismo in Alto Adige?

Svegliarsi la mattina con il dolce cinguettio degli uccellini è un’esperienza a cui ci si abitua velocemente. E, una volta a casa, non si vede l’ora di ripartire. Dalla colazione alla cena, le vacanze in un agriturismo altoatesino sono alla portata di tutti, grandi e piccini, ma anche di coppie come me e Andrea, sempre in cerca di autenticità e di angoli nascosti. Basta poi un pizzico di voglia di fare, chiedendo ai gestori di mostrarvi il loro lavoro quotidiano. Il loro sorriso, i loro valori e la loro dedizione vi sorprenderanno.

Perché in fondo ogni agriturismo in Alto Adige racchiude in sé un piccolo mondo antico. Collocati in posizioni tranquille e panoramiche e solitamente lontani dai centri abitati, gli agriturismi e i masi sono aziende agricole ben consolidate su tutto il territorio, aperte al turismo e alla voglia di farsi conoscere e ad accogliere. Come in famiglia.

coniglio agriturismo

Durante una vacanza in un agriturismo si conosce l’importanza della fienagione, vale a dire il meticoloso lavoro del taglio del fieno, più volte in estate. Questo lavoro rappresenta ancora oggi un’attività di primaria importanza per il sostentamento del bestiame, un’attività faticosa e che dipende da molte variabili.

La mungitura delle mucche, il letame, il taglio della legna, la gestione del fienile, degli alberi da frutto e il lavoro nell’orto. Quasi non ci si accorge dei diversi lavori che continuano a essere svolti mentre noi ci troviamo in vacanza. Sta a noi decidere se conoscerlo più da vicino. Il lavoro dei contadini-gestori racchiude tutta la loro vita e include quello di farci sentire ospiti.

Fienile azienda agricola Alto Adige

La qualità GALLO ROSSO

Ve ne avevamo parlato anche nell’articolo Dove dormire in Alto Adige Südtirol, ma ci teniamo a sottolinearlo: le strutture del marchio Gallo Rosso sono indice di qualità, sicurezza, comfort e garanzia di una vacanza immersa nella natura, in tutta sicurezza. C’è tutta l’attenzione dei gestori, spesso famiglie, sempre pronte a consigliare al meglio sulle attività da fare in agriturismo e nei dintorni e le escursioni migliori.

Sul sito Gallo Rosso trovate un ricco catalogo, dove scegliere la vostra camera o il vostro appartamento. E se la scelta è ardua, non lasciatevi scoraggiare: non vi resta che prenotare e partire. Troverete un vostro luogo del cuore.

Strudel Gschloierhof

Le nostre vacanze al Ferienhof Gschloier

C’è un solo luogo in cui siamo già tornati più volte in Alto Adige. Il primo posticino scoperto per caso cinque anni fa, durante il nostro primissimo weekend insieme. Quando il nostro blog non esisteva ancora, eppure, involontariamente, qualcosa è scaturito anche da questa nostra prima vacanza. Il Ferienhof Gschloier è una piccola casa vacanze, ma anche un agriturismo, un luogo di pace, posto su un versante sempre soleggiato, tra prati e boschi bellissimi.

Qui ci sentiamo tra amici. Soprattutto in questo momento, è bello ritrovare persone del territorio con cui condividere lo stato d’animo dell’ultimo periodo, parlando del “prima” e del “dopo”. E se il turismo fa ancora fatica a riprendere il suo ritmo e tutti noi abbiamo un immenso bisogno di vacanze all’aria aperta, noi eravamo sicuri di tornare da Florian, il proprietario dell’agriturismo, non appena era possibile farlo. E così abbiamo fatto.

agriturismo Ferienhof Gschloier

Lo Gschloierhof si trova a Laion, in una piccola frazione fatta di fattorie in Val Isarco ed è vicinissimo alla Val Gardena. A quota mille metri e immerso tra prati esteri, la vista sul borgo di Chiusa e sul suo famoso Monastero di Sabiona sono impagabili. Dal giardino dello Gschloierhof si può ammirare l’Altopiano del Renon, l’Altopiano di Villandro ma anche la Chiesetta di Latzfons, proprio di fronte a noi.

La struttura conta cinque camere confortevoli, un bel prato accanto, giochi per i bambini, gli animali della fattoria e un grande fienile, quello che ha costruito il papà di Florian con tanta fatica e impegno. L’associazione Gallo Rosso – Roter Hahn l’ha premiato con ben quattro fiori, indice di comfort ma anche sostenibilità. Per il riscaldamento Florian impiega la legna della foresta che circonda la sua tenuta, l’impianto fotovoltaico serve per generare acqua calda e l’elettricità. Allo Gschloierhof non manca proprio nulla, per non parlare della bontà dei piatti preparati da Barbara, con i frutti e le erbe aromatiche del suo orto.

Schlutzkrapfen in agriturismo

Vacanze in agriturismo in Alto Adige: c’è tanto da vedere e imparare!

Laddove il tempo è dettato dai ritmi della natura e degli animali, la giornata inizia presto la mattina, verso le 6. Si deve dar da mangiare agli animali, c’è la pulizia, la mungitura e c’è da spazzolare le mucche, che sembrano gradire il trattamento.

Florian ci fa conoscere le sue sette mucche: sono razza Simmental, hanno il manto chiaro, lustro e il muso dolce. Tre di loro sono in attesa e tra poche settimane nasceranno dei nuovi vitellini. Andrea non si tira indietro, è ora di dare da mangiare alle mucche, è l’ora della loro cena.

Vacanze in agriturismo in Alto Adige mucche stalla

Il fieno e le mucche

Il fieno è la priorità assoluta e tanti fattori, come un clima favorevole e un tasso di umidità basso, concorrono alla buona riuscita del raccolto. Le mucche mangiano tanto, sia la mattina, che il pomeriggio e adorano il fieno aromatico. Florian ci spiega quanto sia importante il primo taglio, è fatto a inizio estate e garantisce una bella scorta per le settimane in avanti. È il fieno più ricco di proprietà e ce lo mostra: scorgiamo dei fiori secchi tra l’erba. Durante l’estate saranno fatti altri due tagli del fieno e le mucche vengono lasciate spesso libere di pascolare sui prati in piena libertà.

fieno agriturismo in Alto Adige

Le mucche non sono mai sazie e quando non brucano da sole l’erba, si trovano una bella porzione di fieno profumato già pronto in stalla. Ma non possono certo mangiare a oltranza! Vanno sempre controllate, nella parte alta si può persino notare un rigonfiamento se hanno mangiato troppo. Devono mangiare il giusto, solo così si avrà una buona carne. Non solo, quando le manze iniziano a produrre latte e non sono in attesa di un vitellino, riescono a produrre latte di altissima qualità.

I controlli sui valori nutrizionali sono elevati e Andrea, che può bere il latte, conferma che il gusto è buonissimo. Ed è per questo che si cimenta anche lui a tenere pulito. Se lo meritano!

vacanze in agriturismo in Alto Adige vacanza attiva

Continuiamo a imparare e a tornare bambini

Sophia è una bimba sempre allegra e ha già un bellissimo rapporto con le mucche: le accarezza, si dà molto da fare, le spazzola ed è una bellezza vederla correre e saltare nel fienile. È come un grande parco giochi al chiuso, tutto per lei. E tra pochi mesi arriverà anche un fratellino o sorellina a farle compagnia nelle sue avventure.

Vacanze in agriturismo in Alto Adige pollaio

Fuori dalla stalla abbiamo due simpatici conigli, le galline e poi un rigoglioso orto con le erbe aromatiche che Barbara coltiva con tanta passione. Ci sono i lamponi e i ribes che stanno maturando. Attorno a noi ci sono moltissimi alberi di prugne, i peri e i ciliegi. Dovete assaggiare le marmellate e le confetture che preparare Barbara, sono squisite!

Vacanze in agriturismo in Alto Adige orto e frutti

Florian ci racconta che lo scorso autunno c’è stata un’abbondante nevicata che purtroppo ha spezzato molti alberi non ancora pronti alla rigidità dell’inverno. Le nevicate quassù a 1.000 metri non sono mai uguali ogni anno e possono causare danni. Dopo un bel temporale estivo però, ecco che torna sereno.

tramonto sull'Altopiano di Villandro

Dopo aver visto il fienile con Florian e Sophia, sbirciamo i mezzi, anche quelli più datati, che il papà di Florian utilizzava tanti anni fa, ma che ancora oggi sono impiegati nel lavoro dei campi. È bello ascoltare i suoi racconti e vedere quanto impegno c’è voluto negli anni e la costanza nel portare avanti tante attività diverse. È motivo di orgoglio e noi siamo felicissimi di aver ascoltato la sua storia.

Florian, Barbara e la piccola Sophia vi aspettano per una vacanza rilassante e divertente al tempo stesso. Da loro non ci si annoia mai!

Agriturismo Gschloierhof

Avete trascorso anche voi delle vacanze in agriturismo in Alto Adige? Raccontateci!

Silvia & Andrea

Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *