Bergila: tutta la magia della natura

Madre Natura in Alto Adige è sempre impegnata a lavorare e non va mai in vacanza, soprattutto in estate. I fiori che ha fatto sbocciare in primavera brillano ora dei colori più belli. Le erbe aromatiche sono cresciute coraggiosamente e sono pronte per essere raccolte. Ad aiutarla ci sono le api operose, ma anche i quattro elementi più importanti: il Fuoco del sole, l’Aria di montagna, l’Acqua pura delle sorgenti e la Terra, naturalmente. Una visita al mondo Bergila è una tappa d’obbligo per conoscere più da vicino la natura e i suoi ricchi doni.

Situata tra grandi boschi di conifere, accanto al grazioso lago di Issengo, un laghetto balneabile tra i più amati di questo territorio, Bergila produce prodotti naturali e 100% biologici. E lo fa in armonia con natura.

Visita Bergila prodotti naturali

Il Giardino d’erbe Bergila

Se c’è una cosa che amo più di tutti, è un giardino fiorito circondato da piante meravigliose. Un giardino rigoglioso è capace di farmi tornare bambina, con quell’energia infinita di scoprire, giocare e saltare. Al nostro arrivo alla sede di Bergila, mi sento proprio come Mary Lennox, la protagonista del libro Il giardino segreto, uno dei miei libri preferiti ancora oggi.

Li vedo da lontano i miei amati fiori e nonostante il tempo sia un po’ nuvoloso, hanno colori vibranti. Alcuni fiori catturano il mio sguardo, come in un colpo di fulmine. La nostra visita parte dal giardino delle erbe e dopo pochi passi siamo già circondati da tanta bellezza.

Le distese di erbe aromatiche invitano a chinarsi e a annusare ogni singola fogliolina. Voglio conoscere tutti i nomi di queste pianticine e quello più affascinante è sicuramente il loro nome botanico in latino. Vorrei appoggiare gli occhi su ogni foglia e su ogni fiore, annusare e ricaricarmi di linfa vitale, proprio come le api su un fiore di echinacea.

Api fiore di echinacea

Lascio che lo sguardo accarezzi le distese di erbe aromatiche, proprio come fa l’aria fresca, in una piccola danza. Davanti a me ci sono tante varietà diverse: la menta, il timo e tanti altri fiori dalle incredibili proprietà benefiche, come la calendula, la valeriana, l’alchemilla e la stellina odorosa, solo per citarne alcune. Strofino delicatamente le dita su alcune foglie per trasferire le essenze e poterle annusare meglio.

Ci sono i fiordalisi, sono tantissimi! È lui il mio fiore preferito, quello che porto con orgoglio anche come tatuaggio sul collo, nonché prezioso alleato per gli occhi. La vera magia si nasconde dentro ogni fiore, rendendolo unico e speciale.

Fiordaliso bio

Il Percorso dei profumi

Tra la primavera inoltrata e la fine dell’estate questo meraviglioso giardino è un tripudio di fiori e piante diverse, che crescono al ritmo della natura. Noi abbiamo scelto fine luglio e siamo fortunati, perché troviamo tutte le principali fioriture.

All’interno del giardino c’è un percorso sensoriale, che diventa un efficace modo per conoscere alcune delle piante da cui si estraggono gli oli essenziali. Basta annusare delle piccole anfore e provare a indovinare di che pianta di tratta. Riconoscerle sembra un gioco da ragazzi, ma vi assicuriamo che non lo è affatto!

Il giardino d'erbe Bergila

Il mondo Bergila

Incontriamo Andrea ed è un vero piacere per noi. Lei rappresenta la quarta generazione del marchio Bergila e ha tutto l’entusiasmo nel raccontarci del lavoro quotidiano con le piante e i fiori. La storia di Bergila parte da molto lontano, era infatti il 1912 quando nacque la distilleria di pino mugo, a pochi passi da quella che oggi è la sede ufficiale dell’azienda.

È bello scoprire come dai fiori e dalle piante che crescono nei boschi qui attorno si riescano a fare tante produzioni diverse. Il lavoro di Bergila è quello di trasformarli in prodotti eccezionali per il benessere e la salute delle persone. È una straordinaria magia, che diventa alchimia.

fiori gialli

La vera magia di Bergila è far crescere tante varietà diverse con cura, di utilizzarle fresche e di ricavarne poi oli essenziali potentissimi. C’è la separazione delle polveri dai liquidi e dai solidi, per creare oleoliti, tinture madri, gli estratti per la cosmetica bio e tanti altri prodotti.

L’essicazione dei fiori avviene a temperature mai alte, per mantenere inalterate tutte le proprietà. Tanti sono i fiori e le erbe che si possono gustare sottoforma di tisane, ognuno di loro ha straordinari poteri naturali. Le foglie essiccate vengono lasciate grandi appositamente per l’infusione.

Abbiamo voglia di conoscere di più, vogliamo sapere come si estraggono i preziosissimi oli. Salutiamo Andrea e la ringraziamo di cuore per averci accolto nel suo splendido giardino. La vera magia la possiamo vedere con i nostri occhi, a pochi passi da qui.

Prodotti naturali Bergila

La distilleria di olio di pino mugo Bergila

In mezzo ad un bellissimo bosco c’è ancora un’antica distilleria, quella creata dagli avi di Andrea. Tutto è rimasto come allora, a misura d’uomo ed è straordinario vedere come fuori dalla distilleria ci siano ammassate le fasce di pino mugo e cembro, pronte per essere tagliate.

La distilleria è attiva nella produzione dell’olio essenziale di pino mugo, pino cembro (vi ricordate il profumo di cirmolo?), ma anche del ginepro alpino e dell’abete rosso. Sono le conifere che crescono attorno al lago e nei boschi di montagna qui attorno. Dovete sapere che crescono fino a 2.000 metri! Il pino mugo è l’unico a non crescere in altezza, ma è molto vasto e presente sui sentieri più alti.

Bergila distlleria pino mugo 1912

Un carico di legna dai boschi

Un’autentica magia: la distillazione

Dopo una visita al piccolo museo che ripercorre la storia di Bergila (assolutamente da non perdere), ci lasciamo guidare da Elias, che ci illustra passo dopo passo come avviene la distillazione.

Nulla è lasciato al caso: Bergila raccoglie le fasce di legno di pino mugo e delle altre conifere in accordo con la guardia forestale, in modo da preservare l’ambiente e pulire così anche i pascoli. I rami, gli aghi e i pezzi di corteccia devono essere tagliati in pezzetti sempre più piccoli. Non si butta via niente di ciò che il bosco crea lentamente nel corso degli anni.

rami aghi pezzi di corteccia distillazione

Si taglia subito tutto, in modo che il sole non inizi a disperdere gli oli contenuti. Il materiale viene poi raccolto all’interno di un grande alambicco. Bergila distilla in corrente di vapore, ciò significa che all’interno del contenitore viene inserita una tonnellata di materiale appena tagliato, si scalda poi l’alambicco e si lascia che il calore irradiato dal basso salga verso l’alto facendosi spazio tra i rametti. Rompendo le cellule del legno, il calore fa rilasciare tutto l’olio essenziale.

Elias e i suoi colleghi oggi stanno lavorando con il pino cembro, che resterà nell’alambicco per circa sei ore. Nella stanza c’è un incredibile profumo pungente, le nostre narici si inebriano dell’essenza di pino cembro. E se ve lo state chiedendo come noi, da questo alambicco verranno estratti soltanto tre litri di olio essenziale. Quanto è prezioso allora questo olio?

alambicco Bergila

Un olio essenziale puro al 100%

L’olio sale verso la parte più alta del grande alambicco, ma come si fa a estrarlo? Facile, serve solo un condotto d’acqua. L’olio è infatti più leggero e si lascia trasportare dolcemente dall’acqua, che è quella che scorre qui accanto alla distilleria.

Per conservare tutte le sue proprietà, l’olio viene subito raffreddato in un secondo contenitore e poi trasportato nuovamente per essere confezionato. Non c’è l’aggiunta di altri elementi. È incredibile osservare lo scorrere veloce del liquido trasparente appena ricavato. Per me è come se fosse oro liquido.

Ma la magia non è ancora finita. Elias ci spiega che gli scarti di legna sono impiegati come combustibile per il riscaldamento di due strutture alberghiere limitrofe. Anche le ceneri non si buttano via, sono il perfetto concime per i terreni. Infine l’acqua utilizzata è ricondotta nel fiume.

olio essenziale distillazione Bergila

Nel Fienile dei profumi

Accanto alla distilleria e al piccolo museo Bergila, c’è il vecchio fienile tutto di legno. È un luogo speciale, dove si entra solo a piedi nudi. All’interno del fienile ritroviamo il magico composto che ha appena rilasciato i suoi oli. È ancora caldo e profumato e invita a un’esperienza quasi mistica. Ci sediamo su una panca e sprofondiamo i piedi, in un caldo pediluvio.

Il calore sale piano piano dai piedi e si diffonde in tutto il corpo. Sono contenta che oggi non faccia così caldo fuori, questo tepore è capace di farmi dimenticare di tutto. L’effetto benefico si unisce alle note che ancora si sprigionano nell’aria.

È una sensazione di benessere indescrivibile, quasi primordiale. In un primo momento sono in estasi, come quando raggiungo una vetta impegnativa, con quell’adrenalina che circola come la felicità più vera. Subito dopo sono calma, con il battito del cuore che rallenta a ogni mio respiro. Questo è un vero regalo della montagna e di tutte le sue meravigliose creature.

All’uscita laviamo i piedi con l’acqua fresca e poi utilizziamo la frizione all’arnica e al pino mugo. L’effetto rinfrescante e balsamico che proviamo ci farà compagnia per il resto della giornata. Mi sento più leggera, tanto che mi sembra di volare!

La Bottega delle Erbe Bergila

Gli oli essenziali puri, la frizione appena utilizzata (e già diventato il nostro prodotto preferito, soprattutto dopo una bella camminata in montagna), i cosmetici bio e tanti altri prodotti biologici ci attendono nella graziosa Bottega d’erbe di Bergila, proprio accanto al giardino.

Bergila aspetta anche voi per una visita e nei mesi di luglio e agosto è aperta tutti i giorni. La visita gratuita presso la distilleria degli oli essenziali è imperdibile. La distilleria è aperta da maggio a fine ottobre, consultate il sito www.bergila.com per tutte le informazioni.

Online trovate anche l’e-shop con tutti i prodotti naturali, un blog sempre aggiornato e anche tante golose ricette.

Silvia & Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *