Malghe e Rifugi della Valle Aurina – Parte 1

Una valle ricca di malghe, punti ristoro, baite pittoresche e rifugi spettacolari. Una valle tutta da scoprire, adatta a grandi e piccini, perché ricca di tanti luoghi speciali. Una vacanza in questa valle è capace di regalare giorni indimenticabili, mai uno uguale all’altro. Vogliamo mostrarti allora le malghe e rifugi della Valle Aurina. Un primo, piccolo assaggio, che racchiude il meglio di ciò che abbiamo avuto modo di vedere e di cui fare esperienza la scorsa estate.

Malghe e Rifugi Valle Aurina

Malghe e Rifugi della Valle Aurina: Bizat Hütte

Una casetta bianca con il tetto tipico di pietra, un punto ristoro per merende golose, ma soprattutto un’oasi di pace all’interno di una foresta incantata. La Bizat Hütte è la prima tappa d’obbligo per chi è appena arrivato o per chi ha voglia di trascorrere qualche ora spensierata.

Dai uno sguardo attorno alla baita: c’è un bellissimo laghetto, giochi di legno per i bambini e nel bosco tante altre sorprese. Non manca una piccola cappella e un dolce imperdibile come il semifreddo al pino mugo.

Bizat Hütte Malghe e Rifugi Valle Aurina

Partendo dalla frazione di Costa Molini, nel paese di San Giovanni, segui le indicazioni per questa baita, Google Maps ti condurrà a un parcheggio, in prossimità di un curvone. Da lì, serve solo una mezz’oretta di camminata nel bosco. Il percorso è adatto anche per i bambini più piccoli e ai passeggini.

Bizat Hütte cappelletta

Le malghe verso il Rifugio Tridentina da Casere

L’Adleralm è una delle prime malghe che si incontrano sul comodo sentiero che conduce al Rifugio Tridentina e che invita a una primissima tappa, prima di affrontare altre escursioni. Partendo da Casere, l’ultimo paese della Valle Aurina, si raggiunge questa malga con molta facilità, a 1.700 metri di altezza.

La malga è famosa per il suo ambiente accogliente, dove la musica e il divertimento non mancano mai. Il menù è ricco e la terrazza esterna invita a una pausa con super vista sulle Vedrette.

Adleralm Valle Aurina

Proseguendo sempre sul Sentiero n. 13, incontriamo poco dopo la Kehleralm. Si tratta di un’altra malga, forse ancora più caratteristica, dove il tempo sembra essersi fermato. Fatta interamente di pietra e legno, l’unico rumore che si percepisce è lo scroscio del Torrente Aurino.

Prenditi qualche minuto per osservare il paesaggio verdeggiante attorno a te. Anche perché da qui in poi il sentiero è tutto in salita e la fatica inizierà a farsi sentire.

Kehleralm Valle Aurina

Eccoci a un’altra meta di passaggio, è la Lahneralm, perfettamente posizionata proprio sotto alla Vetta d’Italia, la cima più a Nord di tutta la nostra Penisola. Anche qui merita sicuramente fare una sosta, oppure fermati qui al ritorno dal Rifugio Tridentina. Una fetta di torta, una birra fresca e la compagnia delle mucche al pascolo. L’atmosfera è impagabile.

Lahneralm Valle Aurina

Il Rifugio Brigata Tridentina

Ecco la meta finale di questo bellissimo percorso. Incastonato sotto la Forcella del Picco, linea di confine con la terra austriaca, si trova il Rifugio Brigata Tridentina. Un tipico rifugio alpino, di quelli ben conservati e che mantengono ancora tutto il loro carattere e la loro storia.

Si spalanca la vista su tutta la Valle Aurina e basta alzare lo sguardo per ammirare il Picco dei Tre Signori. A quasi 2.500 metri di altitudine, si respira l’aria di alta montagna.

Il Rifugio Ponte di Ghiaccio, dal Lago di Neves

Cambiamo zona, dirigiamoci verso la Valle dei Molini, una valla laterale della Valle Aurina. In direzione del lago di Neves, un lago artificiale color turchese, anch’esso punto di partenza di numerose escursioni, tra cui quella che conduce al Rifugio Ponte di Ghiaccio.

La salita verso questo rifugio spettacolare è stupenda: si è letteralmente “fuori dal mondo”, all’interno di una conca fatta di rocce, fiori e un altro rumoroso torrente. Siamo circondati dalle Alpi dello Zillertal e da una natura un po’ selvaggia.

Rifugio Ponte di Ghiaccio Valle Aurina

Lo spettacolo non finisce qui. Una volta raggiunto questo rifugio moderno, si può gustare un piatto caldo comodamente seduti in terrazza, per godersi un momento di pace attorno a questi giganti. Siamo a quota 2.545 metri di altezza e il paesaggio è lunare.

Malghe al Lago di Neves

Di ritorno dal rifugio, prenditi qualche minuto di relax alla Nevesalm per ammirare il lago, dove caprette e mucche ti faranno compagnia. E se la malga dovesse essere troppo affollata, punta alla Untermauer Alm, poco distante dalla prima. Entrambe offrono prodotti tipici, assolutamente da non perdere. Molto carine anche le panchine panoramiche lungo il percorso attorno al lago.

Malghe e Rifugi della Valle Aurina: verso il Rifugio Sasso Nero

Un’escursione tosta, ma sicuramente appagante. Raggiungere il Rifugio Sasso Nero è un’esperienza da affrontare, almeno una volta nella vita, se ti trovi in vacanza in Valle Aurina.

Partendo dal parcheggio di Baita Stàlilla, un grazioso punto di ristoro, si intraprende la prima parte del sentiero che, in poco più di un’ora, raggiunge la Daimeralm, una malga in una splendida posizione panoramica lungo la Rotbachtal. Il consiglio è quello di non fermarsi subito, ma di tenerti questa malga come ristoro al ritorno dal Rifugio Sasso Nero. Una birra fresca con vista sarà la tua migliore ricompensa.

Daimeralm Valle Aurina

Il Rifugio Sasso Nero

Un rifugio particolare e un paesaggio unico, da vivere in prima persona. Diciamolo, è un’escursione adatta ai più allenati, visto e considerato il numero dei tratti impegnativi e attrezzati che si incontrano soprattutto nella parte finale. Un po’ di esperienza pregressa non guasta. E una volta lassù, goditi tutto ciò che ti circonda. Ne vale assolutamente la pena.

Recuperate le forze e il fiato, non puoi non ammirare questo moderno capolavoro architettonico. Ammiralo anche al suo interno, in un contrasto di chiaro/scuro, proprio come le pietre e i tratti di neve che hai affrontato per arrivare fin qui. Affacciati sulla grande vetrata della sua Stube, potrai distinguere gli Alti Tauri, il Gruppo del Rieserferner e anche la Marmolada. Che spettacolo!

Knuttenalm, a Riva di Tures

Un’altra zona della Valle Aurina da non perdere è sicuramente Riva di Tures. Qui puoi trascorrere una giornata rilassante, in cui degustare ottime specialità della cucina altoatesina, in una delle malghe più rinomate dell’intera valle. La Knuttenalm è il posto giusto dove trascorrere momenti all’insegna del gusto, in un’atmosfera sempre famigliare e tanta cura e amore per i dettagli. Qui ti sentirai davvero coccolato.

Raggiungibile in un’ora di cammino su un sentiero comodo e perlopiù pianeggiante, è ideale per famiglie e bambini. Oppure fai come noi, concediti un ottimo aperitivo pomeridiano a base di Hugo e un ricco tagliere con una bellissima vista sulla valle.

Malghe e Rifugi della Valle Aurina: Russbachalm e Kegelgassalm

Tra le malghe e rifugi della Valle Aurina, vogliamo parlarti anche di due piccole ma caratteristiche malghe, che nulla hanno da invidiare a tante altre. Poste sopra l’abitato del paese di San Giovanni, noi siamo partiti nuovamente dalla Baita Stàlilla e abbiamo la prima, la Russbachalm, in una piacevole camminata di circa un’ora e mezza su strada sterrata. Le comode sdraio invitano a prendere il sole, mentre i bimbi giocano felici e senza pericoli nei dintorni. È il paradiso delle mucche al pascolo.

Se hai voglia di camminare ancora un po’, in soli trenta minuti potrai raggiungere anche la seconda malga, la Kegelgassalm, dove ti consigliamo di pranzare in terrazza. Non manca il panorama sulla valle, mentre alle nostre spalle si intravede la grande cima del Sasso Nero. Questa malga offre piatti tipici casalinghi (chiedi sempre il piatto del giorno), nota di merito va al favoloso tris di canederli. Da leccarsi i baffi.

La nostra scoperta delle malghe e dei rifugi della Valle Aurina non finisce certo qui. Abbiamo infatti in programma un’altra vacanza da queste parti, sperando di poterla realizzare e viverla, come sempre, con tutto il nostro entusiasmo.

Silvia & Andrea

8 thoughts on “Malghe e Rifugi della Valle Aurina – Parte 1

    1. Ciao Daniela! Ti capiamo benissimo, quando inizi a vedere e a conoscere questi luoghi e queste vallate… ci si innamora all’istante! Siamo felici che ci hai trovato 🙂

    1. Ciao Rita! Noi ci siamo stati solo una volta… e non vediamo l’ora di tornarci anche noi. Speriamo quest’estate. Un caro saluto!

    1. Ciao Michele, sicuramente tutte le malghe della Valle Aurina sono facilmente raggiungibili, tra le più facili sicuramente la Bizat Hütte e la Knuttelalm ad esempio. Scegliere è davvero impossibile! Pensa che noi abbiamo visto solo una parte. Facci sapere se andrai in questa splendida valle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *